Roadrender

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco Vimeo Icona
  • Bianco YouTube Icona
  • Bianco Instagram Icona

Le 5 fasi per produrre un'immagine generata al computer

Un render è un'immagine generata al computer, sviluppata tramite l'utilizzo di specifici programmi. 

I render sono utilizzati in numerosi campi: architettura, cinema, design, scienza, medicina, video giochi e molti altri.

Ogni campo utilizza diverse tecniche, dimostrando l'adattabilità che questo strumento può offrire. Generalmente però si può sintetizzare il processo di produzione di un render in 5 fasi:

  • modellazione 3d

  • illuminazione

  • texturizzazione

  • rendering

  • post produzione

La modellazione 3d è la fase dove si genera la geometria di un oggetto nello spazio tridimensionale.

In parole povere è un processo simile a quello che utilizza uno scultore per modellare una statua, ma in ambiente virtuale.

 

L'illuminazione è la tecnica utilizzata per simulare luci naturali e artificiali nell'ambiente virtuale. Questa fase garantisce che gli oggetti modellati in 3d siano illuminati come le loro controparti reali.

 

La texturizzazione consiste nell'utilizzo di immagini da applicare al modello 3d per definirne colori e altri dettagli come ad esempio la rugosità e il rilievo.

 

Durante la fase di rendering il computer calcola l'ombreggiamento, la variazione dei colori e la luminosità degli oggetti, secondo l'incidenza della luce simulata nella scena.

 

L'ultima fase, chiamata post produzione, è la fase in cui vengono utilizzati programmi di foto ritocco per rifinire l'immagine agendo su parametri come colore, contrasto e luminosità, e dove vengono inseriti ulteriori elementi che incrementano le capacità comunicative dell'immagine (persone, oggetti di scena, piante, sfondi).

 

Le fasi di produzione di un render dimostrano come sia necessario un approccio multidisciplinare per operare correttamente. Dalla conoscenza di software specifici alla fotografia, dalla fisica della luce alla matematica.

 

La sua diffusione negli ultimi anni è dovuta al notevole sviluppo tecnologico delle componenti hardware e software necessarie alla sua realizzazione, permettendone così un accessibilità maggiore. 

Un altro fattore che ha contribuito alla sua diffusione è la capacità di mostrare un progetto in qualità foto realistica, prima della sua realizzazione: in questa maniera il cliente può esplorare diverse soluzioni senza la necessità di acquistare materiale da costruzione in anticipo. Ciò consente effettuare le necessarie modifiche al progetto risparmiando in tempo e costi, e garantendo un'appetibilità maggiore verso i clienti.

Il render, in alcuni settori come ad esempio le immagini di prodotto per cataloghi (online o cartacei), è entrato in competizione anche con la fotografia, in quanto è più pratico ed economico rispetto all'allestimento di un set fotografico.

Oggi il render è uno strumento fondamentale di marketing perché migliora la comunicazione e l'engagement; la maggior parte delle persone preferisce vedere prima quello per cui sta pagando.

 

Un render foto realistico risolve velocemente i problemi di comunicazione offrendo alle parti interessate una visualizzazione che migliora la comprensione e rivela la complessità di un progetto in tutta la sua bellezza.